Indica un intervallo di date:
  • Dal Al
AFP_EF707-kQ2D--835x437@IlSole24Ore-Web

Airbnb come Apple, affari in Italia ma i soldi in Irlanda

Cosa c’entra una Fiat 500 con una web company valutata 30 miliardi di dollari? Per capirlo bisogna leggere il bilancio di Airbnb Italia, società a responsabilità limitata interamente controllata dalla Airbnb Holdings Llc domiciliata a Wilmington, nel Delaware, paradiso fiscale negli Stati Uniti. Spulciando tra le pagine del bilancio si scopre che, a dispetto di un giro d’affari milionario del gruppo, le tasse che Airbnb paga in Italia sono equivalenti al prezzo di tre Fiat 500. Perché il business, ufficialmente, è realizzato in Irlanda, anche se a Dublino nessuno ci mette piede. È lo stesso copione della Apple, che dovrà restituire a Dublino 13 miliardi di euro (più gli interessi) di tasse non pagate.

Un fenomeno globale

Airbnb Italia è la filiale del colosso statunitense fondato nel 2008 da tre ragazzi poco più che ventenni, Brian Chesky, Joe Gebbia e Nathan Blecharczyk, e diventato il leader mondiale nell’affitto online di case per le vacanze. Se cercate un alloggio per il weekend a Firenze o per una settimana a Parigi, la soluzione più economica è Airbnb. In pochi anni la società di San Francisco è diventata un gigante del web: attraverso il suo sito è possibile affittare case e appartamenti in 34mila città di 191 paesi. Una crescita vertiginosa. Finora i turisti che hanno usato Airbnb per organizzare una vacanza sono più di 60 milioni nel mondo e gli alloggi che si contano sul sito hanno superato i due milioni, cioé quanto le camere di hotel delle catene Marriot, Hilton e Wyndham messe insieme. Ecco perché gli analisti prevedono che il fatturato globale di Airbnb raggiungerà i 6,1 miliardi di dollari entro il 2019 e il valore della società continua a moltiplicarsi ogni giorno che passa.

I tre fondatori tra i più ricchi del mondo

i fondatori

Airbnb è una storia di successo, non c’è dubbio. Una storia nata quasi per caso. Nell’ottobre del 2007 la Industrial Designers Society of America aveva organizzato una conferenza a San Francisco e tutte le camere di hotel erano occupate. Chesky e Gebbia condividevano in quel periodo un appartamento nella città californiana. Non navigavano nell’oro e decisero di cogliere l’occasione per affittare la loro abitazione. Acquistarono tre materassi ad aria e propagandarono la loro iniziativa come “Airbed and Breakfast”. Quella che offrivano era una sistemazione un po’ all’acqua di rose ma già la prima notte i due ragazzi avevano convinto tre ospiti. Airbnb nacque così.
Un anno dopo, insieme a Nathan Blecharczyk, Chesky e Gebbia (nella foto in alto) fondarono formalmente la web company e oggi i tre imprenditori posseggono ciascuno una fortuna personale di 3,3 miliardi di dollari, secondo la classifica 2016 stilata da Forbes.

Gigante del web ma un nano per il fisco

Ma allora, cosa c’entra un’automobile con Airbnb? Ancora qualche cifra per comprendere la dimensione del fenomeno. L’anno scorso il sito è stato utilizzato da 3,6 milioni di persone per viaggiare in Italia mentre altri 1,34 milioni di italiani hanno affittato abitazioni per viaggiare all’estero. I quasi 83mila proprietari di alloggi (gli host) che si sono serviti di Airbnb hanno guadagnato complessivamente 394 milioni di euro affittando la loro casa. Ma non basta. Per Airbnb l’Italia è il terzo paese al mondo per offerta di abitazioni, dopo Stati Uniti e Francia.
Eppure, il gigante del web resta un piccolissimo contribuente per il fisco. Ecco cosa c’entra la Fiat 500. Perché con le imposte pagate nel 2015 dalla filiale italiana del colosso americano ci si possono comprare solo tre Fiat 500 1.2 S del valore di 15.350 euro ciascuna. Belle auto, certamente, ma comunque soltanto delle vetture. L’anno scorso Airbnb Italy Srl ha versato al Fisco italiano 45.775 euro di imposte sugli utili. Un paradosso rispetto alla sua irresistibile ascesa, verrebbe da dire. Ma in realtà è tutto regolare, almeno fino a prova contraria.

Dietro le quinte della società

Airbnb infatti, come tutte le web company, è un’esperta nell’arte dell’ottimizzazione fiscale. E così, quando paghiamo un alloggio per la meta delle nostre vacanze, una fetta di quell’importo vola immediatamente in Irlanda, paese dove la tassazione sugli utili societari è del 12,5%, molto più bassa di quella applicata in Italia e in moltissimi altri paesi. Non sappiamo, poi, se con il Fisco di Dublino Airbnb abbia firmato accordi di tax ruling sul tipo di quelli della Apple per abbattere ancora di più la pressione fiscale. Airbnb incassa una commissione del 3% dai proprietari sul valore dell’affitto e una quota variabile dal 6 al 12% (inversamente proporzionale alla durata del soggiorno) dagli ospiti: sono questi i soldi che finiscono nel paradiso fiscale che fa parte dell’Unione europea. Insomma, il proprietario dell’abitazione e il turista che la prende in affitto sono in Italia, il contratto viene stipulato online in Italia ma i soldi che partono dal conto bancario italiano del viaggiatore e arrivano sul conto bancario italiano dell’host fanno il giro d’Europa e vengono fatti passare per l’Irlanda, dove una fetta di quei soldi resta ad aumentare gli utili di Airbnb.

GRAFICO_Airbnb-affitto

Tutto è trasparente, però. Ai suoi clienti Airbnb specifica che il contratto viene stipulato con la società Airbnb Ireland per l’utilizzazione del sito e con Airbnb Payments Uk per quando riguarda i pagamenti. «Gli host di Airbnb – confermano dalla società – incassano il 97% del prezzo chiesto per l’affitto e questo introito è soggetto alla tassazione locale. Noi rispettiamo le leggi fiscali e paghiamo le tasse che dobbiamo nei luoghi dove realizziamo il business». Tutte le transazioni internazionali al di fuori degli Stati Uniti, aggiunge Airbnb, «sono elaborate attraverso Airbnb Payments Uk e Airbnb Ireland».
Ma allora a cosa serve la società italiana? Airbnb Italy si occupa, secondo il suo statuto, di «marketing per annunci relativi a locali, appartamenti o strutture ricettive per soggiorni turistici». E di nient’altro. Il suo fatturato nel 2015 è stato di appena 1,5 milioni di euro e l’utile netto di 63.150 euro, dopo aver pagato imposte per 45.775 euro. Il capitale sociale della società è di 10mila euro. Insomma, una piccola realtà. E questo perché il giro d’affari legato agli affitti degli appartamenti non passa attraverso la Srl italiana ma attraverso quella irlandese. Non è un caso, forse, che l’amministratore unico di Airbnb Italy, l’irlandese Eoin Michael Hession, sia anche amministratore di Airbnb Ireland e Airbnb Uk Limited.

I bilanci non sono pubblici

Ma quanto è grande il giro d’affari di Airbnb in Italia? La dimensione non è possibile conoscerla, perché la società capogruppo non è quotata e non ha l’obbligo di pubblicare i bilanci. Bisogna affidarsi a un calcolo molto indicativo per ricavare il fatturato della web company nel nostro paese. Partendo dai 394 milioni di euro guadagnati dagli host (i proprietari delle abitazioni) e calcolando le percentuali del 3% e del 6-12% richieste ai possessori degli appartamenti e ai turisti, si può arrivare a una cifra vicina ai 50 milioni di euro.

Sulla rotta Delaware-Irlanda-Jersey

Per lo stesso motivo non è semplice ricostruire la struttura societaria di Airbnb. Nonostante sia stato fondato in California, la sede legale del gruppo è nel piccolo stato del Delaware, scelto dalla maggior parte delle grandi società statunitensi grazie alla legislazione fiscale particolarmente favorevole.
La capogruppo è la Airbnb Inc., fondata il 27 giugno 2008 e domiciliata presso la Corporation Service Company (Csc) a Wilmington. Csc è un cosiddetto “agente residente” che provvede alla domiciliazione di migliaia di società. In questo stesso edificio aveva la sede anche la Buconero Llc, società della galassia di Calisto Tanzi all’epoca dello scandalo Parmalat.
Sempre a Wilmington hanno sede altre società del gruppo: la Airbnb Holding, la Airbnb 2015 Series E, la Airbnb Action, la Airbnb Payments Holding, la Airbnb Payments Inc. e la Airbnb Rpg.
Da Airbnb Inc. e Airbnb Holdings si dipanano le traiettorie verso tutte le altre società sparse nel mondo, in primo luogo le irlandesi Airbnb Ireland, Airbnb International e Airbnb Payments International. E’ proprio a Dublino che arrivano le percentuali richieste agli host e ai viaggiatori. Dall’Italia all’Australia, tutti i paesi con l’eccezione degli Stati Uniti convogliano qui tutti i pagamenti.

«Dublino è il nostro hub internazionale – specifica la società – e la nostra seconda sede più grande nel mondo. Vi è allocato uno staff di 500 persone, la maggior parte delle nostre funzioni di core business e alcuni senior executive. Nell’ultima decade – aggiunge Airbnb – l’Irlanda ha costruito una reputazione globale nel settore delle tecnologie ed è la sede di molte delle più grandi società tecnologiche del mondo».

Nella struttura societaria di Airbnb non è chiaro invece quale sia il ruolo di tre società domiciliate nel paradiso fiscale di Jersey, isola del Canale della Manica che costituisce il giardino di casa della City di Londra. A Saint Helier, capitale di Jersey, nel 2013 Airbnb ha registrato tre società: la Airbnb International Holdings Limited (controllata interamente dalla Airbnb Inc. del Delaware e con un capitale sociale di 89 milioni di dollari), la Airbnb 1 Unlimited e la Airbnb 2 Unlimited. E’ possibile che le entità di Jersey abbiano un ruolo negli schemi fiscali per abbassare ulteriormente l’imposizione della società. Infine, nel registro delle Isole Cayman figura una società denominata Airbnb China Holdings. Impossibile sapere di cosa si occupi.
Alle domande inviate dal Sole 24 Ore ad Airbnb circa la struttura societaria nel Delaware, in Irlanda, a Jersey e nelle Cayman, la società ha preferito non rispondere motivando la decisione con problemi di riservatezza delle informazioni. Stessa risposta per quanto riguarda il giro d’affari in Italia: «Essendo una società privata, non comunichiamo i dati del fatturato», hanno risposto dal quartier generale di Airbnb. Silenzio totale, insomma, sulla presenza della web company nei paradisi fiscali di mezzo mondo e sulle vere cifre degli utili e del giro d’affari.

a1

Una cosa, però, i manager della società tengono a specificare: «Airbnb ha raccolto e consegnato alle autorità fiscali più di 110 milioni di tasse di soggiorno per conto di più di 200 giurisdizioni nel mondo».

Valutazioni da record

Secondo il Wall Street Journal nel 2015 Airbnb non è ancora riuscita a fare utili. Lo sforzo finanziario per espandersi fa sì che la perdita operativa dovrebbe essersi attestata a 150 milioni di dollari. Eppure gli investitori scommettono con decisione sulla società. Ad agosto Airbnb ha comunicato allo stato del Delaware di avere intenzione di raccogliere 850 milioni di dollari di capitale, dopo avere già ottenuto un miliardo di dollari da un gruppo di banche composto da Jp Morgan, Citigroup, Bank of America e Morgan Stanley. La valutazione della società è così balzata a 30 miliardi di dollari sull’onda del successo della sharing economy che – secondo una ricerca di Pwc – raggiungerà nel 2025 una dimensione potenziale di 335 miliardi di dollari. Una fetta di quei soldi saranno di Airbnb e continueranno a fare lo slalom tra i paradisi fiscali di mezzo mondo. Passando, ovviamente, dalla solita Irlanda.

(L’articolo è stato pubblicato sul sito del Sole 24 Ore il 1° settembre 2016)

L’URLO è anche su Facebook (clicca qui), su Google+ (clicca qui) e su Flipboard (clicca qui)

angelo.mincuzzi@ilsole24ore.com